Anello degli STAVOLI della VAL RESIA da SAN GIORGIO

Questo slideshow richiede JavaScript.

Escursione ad anello lungo la dorsale dei monti tra la val Resia e la val Fella. La dorsale è percorsa da una pista forestale che da Resiutta segue da ovest ad est tutta la dorsale fino all’altopiano del Pusti Gost. L’escursione permette di visitare gli stavoli che caratterizzano la val Resia, percorrendo nella prima metà la “via agli stavoli” dell’ecomuseo della val Resia. Si parte dal parcheggio in prossimità della chiesa di San Giorgio salendo lungo il vecchio sentiero segnalato che con pendenza regolare porta alla località “ta-na Čalon” e subito dopo agli stavoli Ruschis, gran parte dei quali sono ristrutturati. Il percorso continua sulla pista forestale (sentiero CAI 631) e raggiunge gli stavoli Pischiuarch, Rastie e Rud. Dagli stavoli Rud si lascia la pista forestale e si segue il sentiero CAI 631 fino agli stavoli Sagata. Dalla sella Sagata si segue la pista forestale CAI 638  che, passando per gli stavoli Perachiaze, ci riporta a fondovalle a Prato di Resia. Da Prato di Resia si ritorna a San Giorgio lungo la strada asfaltata. Un ringraziamento a Patrizia per le foto.
NOTA. Dal 2020 il sentiero che da San Giorgio sale a Ruschis è diventato sentiero CAI 631a. Per raggiungere l’inizio del sentiero si deve imboccare via Clemente Tomasig di fronte alla chiesa di San Giorgio. Si prende a sinistra via Campagna, fino ad arrivare ad un parcheggio. Da questo si sale alla via superiore e si svolta a sinistra per arrivare ad un bivio caratterizzato dalla presenza di un crocifisso. A fianco dello stesso c’è l’indicazione dell’inizio del sentiero con numerazione 631a (link al sito cai-fvg.it).
Carta Tabacco 027, Segnavia CAI 631 e 638, Dislivello 600, Lunghezza 11km ca, Tempo indicativo (escluse soste) 4h50m, Difficoltà E, altitudine min 424, altitudine max 874.

Altre escursioni in zona:
Anello del Pusti Gost da Stolvizza

stavoliresia_mappa

MONTE COGLIANS (NORDWAND)

Questo slideshow richiede JavaScript.

In questa escursione abbiamo deciso di salire in vetta al MONTE COGLIANS (la cima più alta della Alpi Carniche) per la difficile parete nord sul versante austriaco. La ferrata è davvero dura (soprattutto la prima parte) e richiede un’ottima preparazione fisica e assenza tootale di vertigini. Lo sforzo comunque è ripagato dall’enorme soddisfazione una volta raggiunta la cima. Giornata indimenticabile.
Carta Tabacco 01, Segnavia Cai 141, Dislivello 1430, Altitudine min 1350, Altitudine max 2780

Vedi anche: Monte Coglians dal passo di Monte Croce Carnico
Alba sul Monte Coglians (2014)
Alba sul monte Coglians (2016)
Pilastro del Coglians dal rifugio Tolazzi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: