MONTE BIVERA DA SAURIS DI SOPRA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il BIVERA è una montagna delle Alpi Carniche, sottogruppo delle Tolmezzine Occidentali, che si trova fra la conca di Sauris e Forni di Sopra. Già affrontato nel 2011 salendo dalla via normale sul versante nord, per questa occasione, assieme agli “Amici d’Alta Quota” Genny Masotti e Marco, decidiamo di raggiungere la cima dal versante sud passando per il Pian delle Streghe. Punto di partenza: raggiunto il paese di Sauris di Sopra parcheggiare in corrispondenza dell’albergo ristorante Chalet Rikhelan a quota 1.300 metri. Percorso: dal parcheggio scendere tramite la strada (Cai 209) fino al Torrente Lumiei e risalire dopo il bivio a sinistra lungo il sentiero Cai 234 che conduce a Casera Gianveada. Da qui si stacca sulla destra il Cai 234a che conduce alla forcella di quota 2.232 metri; proseguire poi fino a forcella Bivera e da lì in cima. Per il rientro utilizzare la via normale fino a Casera Mediana, poi svoltare a destra lungo il Cai 209 che riporta a Sauris di Sopra chiudendo l’anello. Uscita lunghissima e molto faticosa, ma ricca di soddisfazioni e davvero panoramica. Proprio per l’impegno fisico mi sento di consigliarla ad escursionisti esperti e soprattutto ben preparati atleticamente. Carta Tabacco 02, Difficoltà EE, Tipo di percorso: sentiero Cai (209-234-210) e traccia segnata, Dislivello Totale 1600 circa, Lunghezza 20 km, Altitudine min 1130, Altitudine max 2474.

mappa bivera

MONTE PERALBA (CRESTA OVEST)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il monte Peralba (Hochweisstein in tedesco, La Peralbe in friulano) si trova sul confine tra Friuli-Venezia Giulia e Veneto, nell’alta val Sesis, tra i comuni di Santo Stefano di Cadore e Sappada. La sua caratteristica è la roccia calcarea di colore bianco. Diverse sono le vie di salita alla cima: per questa occasione abbiamo scelto lo spallone ovest (con discesa poi per la via normale). Punto di partenza: Rifugio “Sorgenti del Piave”, raggiungibile da Cima Sappada tramite la strada che percorre tutta la Val Sesis. Percorso: subito dietro il rifugio parte il sentiero 131 che percorre le pendici sud della montagna e risale il crestone ovest fino in cima. Per la discesa abbiamo utilizzato la via
normale che presenta un tratto attrezzato per scendere dalla cresta e poi sentiero che passa per il Rifugio Calvi e porta fino alle Sorgenti del Piave. Escursione fantastica, panorama stupendo lungo tutta a salita e in vetta. La cresta ovest presenta all’inizio un tratto ripido ed esposto, poi non ci sono difficoltà. La via normale vede un canalino
attrezzato che porta sulla cresta sommitale da percorrere (soprattutto in discesa) con attenzione. Per questo mi sento di consigliare il giro ad escursionisti esperti (uscita e foto con Genny Masotti). Carta Tabacco 01, Difficoltà EE, Tipo di percorso: sentiero Cai (131-132) e traccia segnata, Dislivello 970 circa, Lunghezza 6,2 km circa, Altitudine min 1830, Altitudine max 2694.

mappa peralba

MONTE MANGART (VIA NORMALE)

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Mangart (Mangrt in sloveno) è una montagna delle Alpi Giulie che si trova lungo il confine italo sloveno. Poichè la via normale è un itinerario considerato semplice e senza grosso dislivello, è una cima molto visitata (anche oggi tanta gente incontrata lungo la salita). Punto di partenza: la conca sopra il rifugio sloveno “Koca na Mangrtu”, raggiungibile da Cave del Predil grazie ad una rotabile (a pagamento d’estate, 5 euro) che si stacca sulla sinistra poco dopo l’ex valico di confine. Percorso: Partendo dalla conca prendere il sentiero che sale sotto le pendici del Travnik e del Piccolo Mangart, fino a raggiungere l’inizio delle attrezzature; superate queste seguire il sentiero che passa dal versante nord a quello sud lungo una cengia ghiaiosa; un sentiero tra roccette permette infine il raggiungimento della vetta. Per la discesa stesso itinerario. Considerazione finale: il percorso viene considerato piuttosto semplice, ma visto il tratto attrezzato molto ripido e qualche esposizione, per quanto mi riguarda lo consiglio a persone comunque con esperienza di montagna e assenza di vertigini (Escursione e foto con Gabriele Gessi). Carta Tabacco 019, Difficoltà E, Tipo di percorso: sentiero, tratto attrezzato e traccia su roccette, Dislivello 600, Lunghezza 5,50 km circa, Altitudine min 2060, Altitudine max 2677.

MAPPA MANGART

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: