MONTE ROBON da SELLA NEVEA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il MONTE ROBON si trova nelle Alpi Giulie sulla linea di confine tra Italia e Slovenia. Fantastica escursione dal punto di vista storico. Partenza: piazzale della funivia di Sella Nevea. Percorso: si risale la pista di sci dei Campetti tenendosi a sinistra del tunnel del nastro trasportatore. Giunti alla fine del tunnel, si risale verso destra lo stretto pendio erboso fino ad incontrare le tabelle CAI che segnalano il sentiero n°636. Nella parte iniziale il sentiero sale nel bosco per poi immettersi sul percorso della mulattiera di guerra del Poviz. La pendenza è sempre costante e si sale senza troppo sforzo, incontrando alcuni ruderi militari. Salendo il bosco si dirada e si raggiunge il tipico ambiente carsico (fessurazioni, campi solcati). Giunti a quota 1850, al cospetto del Poviz, si lasciano a destra le indicazioni per il rifugio Gilberti e si prosegue a sinistra sul sentiero CAI 637. Traversando verso est, si raggiunge sella Robon, nelle cui vicinanze sono visitabili alcune fortificazioni della Grande Guerra. Proseguendo verso nord, si raggiunge il bivacco Modonutti-Savoia e poi, per una traccia non molto agevole, segnalata con ometti, la vetta del monte Robon. Per il rientro, ritornati alla sella Robon si scende per il sentiero CAI 637, che rasenta le pareti ovest del monte Robon, prosegue fino a Pian delle Lope, ed infine raggiunge la strada asfaltata poco prima di Sella Nevea.
Carta Tabacco 19, Segnavia Cai 636/637, Difficoltà E, Dislivello 1000, Lunghezza km 12, Altitudine min 1143, Altitudine max 1980.

mappa_robon

KODERHӦHE da MALGA PRAMOSIO BASSA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il KODERHӦHE è una cima che si trova nelle Alpi Carniche Centrali in territorio austriaco, sulla dorsale tra Cima Avostanis e il monte Polinik. Dall’Italia si sale nel modo più diretto da casera Pramosio Bassa, punto di partenza raggiungibile tramite una pista forestale in auto da Laipacco, poco prima di Timau. Escursione semplice e molto remunerativa dal punto di vista panoramico. Percorso: dal parcheggio ci si incammina sulla pista (CAI 402) che sale al lago di Avostanis. Dopo aver superato Casera Malpasso/Rifugio Morgante, si prosegue ancora sulla forestale fino a quota m.1700 circa, dove si devia a destra (Cai 448) per salire al vicino passo Pramosio, sul confine austriaco (testimonianze linea italiana della Grande Guerra). Al passo si scende a sinistra e si perdono circa cinquanta metri di quota; ci si collega al sentiero CAI 403 (Traversata Carnica lato austriaco) proveniente dallo Zollner See Hutte e si risale tutto il versante orientale della cima Avostanis fino alla sella posta a pochi metri dalla croce del Koderkopf. Nei pressi numerose sono le testimonianze della Grande Guerra della linea austro-ungarica. Una traccia che si stacca dal sentiero permette di raggiungere facilmente il Koderhohe. Rientro per lo stesso percorso effettuato all’andata. Carta Tabacco 09 (App Tabacco E09F), Sentiero CAI 402 e 403, Dislivello 800, Lunghezza Km 12 (andata e ritorno), Tempo indicativo (escluse soste) 4h15m, Difficoltà E, Altitudine min 1521, Altitudine max 2228.

mappa KODERHOHE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: