Trekking del MONTE LAVARA – 1° Giorno – Da Venzone a Malga Confin

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il trekking di due giorni permette di salire al monte Lavara e di compiere la traversata da Venzone a Tigo in val Resia, in ambienti splendidi e poco frequentati. Bisogna prevedere l’utilizzo di una seconda auto, da posizionare nel parcheggio a Tigo nei pressi della passerella sul torrente Resia. Punto di partenza della traversata è il parcheggio nei pressi di borgo Costa, lungo la strada asfaltata della Val Venzonassa a 5 minuti di macchina da Venzone, in corrispondenza del punto in cui il sentiero CAI 705a interseca la strada. Si risale su ripido sentiero fino a raggiungere, in poco più di 30 minuti, con una breve deviazione la chiesa di Sant’Antonio Abate. Si prosegue sul sentiero CAI 705 che proviene da Venzone che con pendenza moderata e regolare ci porta alla casera Ungarina. Dalla casera tramite la strada (CAI 726), si giunge a malga Confin. Dopo una lunga sosta e alleggeriti gli zaini, siamo andati a visitare i ruderi di casera Campo, posta sul versante meridionale delle Cime di Campo, e il vicino belvedere verso il termine della val Venzonassa e il monte Cadin. Questo percorso di andata e ritorno, prevede di seguire il sentiero CAI 726 per forca Campidello (attenzione che il sentiero CAI parte sul retro della malga, seguendo lo steccato in discesa); si raggiunge una prima deviazione per la val Venzonassa, che si tralascia, e alla successiva si devia a destra sul sentiero CAI 726a, ripulito da poco, che con qualche saliscendi raggiunge il pascolo e i ruderi di casera Campo; proseguendo sul sentiero si raggiunge un belvedere verso il termine della val Venzonassa e il monte Cadin. Da qui il sentiero che prosegue verso forcella Stiliza si fa più incerto. Per quanto riguarda le tempestiche, siamo partiti a camminare alle 9.40 con l’obiettivo di giungere a casera Ungarina verso le 12.30 e fermarsi per il pranzo al sacco. Abbiamo fatto delle soste alla chiesa e lungo il sentiero CAI 705, poichè il tempo di cammino effettivo è poco più di 2 ore. Dopo la pausa pranzo nei pressi della casera Ungarina abbiamo raggiunto malga Confin in 30 minuti di camminata. La visita ai ruderi di malga Campo, con breve sosta, è durata 2 ore circa.
Ottima l’accoglienza e il pernotto a malga Confin, gestita da Ennio e famiglia. Ottime la cena e la colazione con prodotti freschi di malga. La malga è dotata di due camere con 13 posti letto in totale.
Carta Tabacco 027, sentiero CAI 705a, 705, 726, 726a, Dislivello positivo 1100m, Dislivello negativo 350m, Lunghezza km 11,2, Tempo indicativo: 4h20m (escluse soste), Difficoltà E, Altitudine min 530, Altitudine max 1440. Escludendo l’escursione ai ruderi di malga Campo, considerare un dislivello positivo di 900m, una lunghezza di 6 km e una durata, escluse soste, di 2h30m.

Link al 2° giorno

Traccia GPS 1° giorno

TrekLavara_01_mappa.jpg

CRETA DI PRICOT (ALTA VIA CAI PONTEBBA)

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’Alta Via Cai Pontebba è una traversata caratterizzata da un tracciato su alte creste che va dal monte Malvuerich fino alla Creta di Aip. Per questa occasione ho scelto di percorrere il tratto che interessa la Creta di Pricot ed il monte Cavallo di Pontebba. Vista la continua esposizione con alcuni passaggi di I e II grado, sono richieste capacità alpinistiche, passo sicuro ed una buona preparazione fisica. Per questo mi sento di consigliare l’escursione solo ad escursionisti esperti. Punto di partenza: la casermetta della guardia di Finanza a quota m.1450 sulla strada che da Pontebba porta a Passo Pramollo (ampio parcheggio). Percorso: una volta raggiunto il pianoro dove si trova Baita Winkel, prendiamo a sinistra il sentiero che sale a Sella Pridola; qui incrociamo l’Alta Via che arriva dal Malvuerich e proseguiamo verso destra; sempre ben segnalata, la via conduce, risalendo il versante sud est, direttamente in cresta e quindi in cima alla Creta di Pricot. Dopo aver raggiunto anche il monte Cavallo di pontebba, decido di scendere utilizzando la via ferrata Contin (consigliato “imbrago”), per chiudere poi l’anello attraversando il vallone Winkel fino alla baita. Carta Tabacco 09 (app E11G), Dislivello 850, Sentiero Cai 433-alta via (segni arancio/azzurro), Difficoltà EEA, Lunghezza 9,5 km circa, Altitudine min 1450, Altitudine max 2239.

mappa PRICOT ALTA VIA

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: