ANELLO DI CIMA OMBLADET DA SIGILLETTO

Questo slideshow richiede JavaScript.

CIMA OMBLADET è un’elevazione che si trova nelle Alpi Carniche Occidentali ad ovest dei Monti di Volaia. Punto di partenza: da Forni Avoltri in Val Degano, prendere la strada che porta a Collina; subito dopo Sigilletto parcheggiare sulla sinistra, in corrispondenza della pista forestale che porta a Casera Monte dei Buoi. Percorso: per questa escursione abbiamo deciso di compiere un anello in senso antiorario, utilizzando per la via di salita alcune tracce (non sentieri Cai) di boscaioli o cacciatori che risalgono il costone Belvedere fino ad incrociare a quota 2089 il sentiero Cai 169 che arriva da Forcella Ombladet, e da lì in cima; discesa dal versante ovest utilizzando il sentiero Cai 169 che porta a Sigilletto passando per Casera Monte dei Buoi. L’uscita è tosta, richiede preparazione fisica, buon orientamento ed è sconsigliata in caso di terreno bagnato. Le tracce “nere” sono molto ripide, tanto che richiedono anche assenza di vertigini. Panorama incredibile dalla vetta (con Genny Masotti, Vania Toniutto e Daniele Puntel). Carta Tabacco 01, Sentiero Cai 169, Difficoltà EE, Dislivello 1150, Lunghezza 13 km circa, Altitudine min 1150, Altitudine max 2255.

ombladet mappa

CUEL MAURON E PALAVIERTE DA PRA DI LUNGE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Cuel Mauron e il Palavierte sono due montagne che si trovano nelle Tolmezzine Orientali nel gruppo del Monte Sernio; chiudono ad est la catena delle Crete di Palasecca.
Punto di partenza dell’escursione: Pra di Lunge a quota 916, raggiungibile da Tolmezzo grazie alla strada (asfaltata) che passa per Illegio, dove diventa rotabile. Percorso: si segue senza difficoltà (ma occorre buona preparazione fisica) il sentiero Cai 412 che risale il bosco prima e pini mughi poi fino al bivio di quota 1700. Da lì a destra si sale al Cuel Mauron (passaggio non banale esposto per escursionisti esperti), a sinistra il Palavierte. Discesa per lo stesso sentiero 412.
Carta Tabacco 013, Segnavia Cai 412, Dislivello 1000 circa, Lunghezza km 8,7, Difficoltà EE, Altitudine min 916, Altitudine max 1815.

palaviertemauron mappa

Anello del MONTE BRIZZIA da PONTEBBA

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il monte Brizzia si trova a nord di Pontebba e si caratterizza per le numerose vestigia della Grande Guerra e per una grande croce posta subito a sud della cima, con un vasto panorama verso Pontebba e la Val Canale. Si parte nei pressi della strada asfaltata (divieto di transito) che porta alla chiesetta del Calvario. La strada coincide con il sentiero CAI 501 e sale fino agli stavoli Ciofnik (uno stavolo adibito a ricovero); si prosegue sulla mulattiera di guerra che risale il versante ovest del monte Brizzia, transitando anche per una cengia recentemente ripristinata. Si giunge agli stavoli Scalzer (trincee e gallerie della Grande Guerra verso il Cocuzzolo Scalzer) nei cui pressi è il bivio con il sentiero 501a che sale dalla strada statale per il passo Pramollo. Nei pressi del bivio è presente un cimitero austro-ungarico della Grande Guerra con le spoglie di alcuni soldati. Continuando sul sentiero CAI 501 si raggiunge la sella e proseguendo verso destra (il sentiero CAI 501 prosegue a sinistra) si raggiunge la cima del monte Brizzia e il punto panoramico con la croce. Per il rientro si può effettuare un anello utilizzando in discesa la mulattiera di guerra (sentiero CAI 501a); giunti nei pressi della strada statale si devono attraversare un tratto franato e un secondo tratto franato con cavo e si devono utilizzare due scalette con catena per scendere al rio Bombaso e risalire. Si prosegue sulla statale, camminando lungo due gallerie e sul ponte sul rio Bombaso. Un centinaio di metri dopo il ponte si scende a sinistra e si percorre la vecchia strada del passo Pramollo (Krasel strasse) che ci riporta alla macchina. Lungo tale strada si incontrano alcune tabelle descrittive del Parco tematico della Grande Guerra “Bombaschgraben” di Pontebba, che si può visitare utilizzando un sentiero che parte nei pressi della Baracca delle pattuglie e che sale alle trincee restaurate dai volontari dell’associazione “Quello che le montagne restituiscono”.
Carta Tabacco 018, sentieri CAI 501 e 501a e strade, Dislivello 1000, Lunghezza km 11, Tempo indicativo: 5h15m (escluse soste), Difficoltà EE (E per salita al monte Brizzia e discesa sul sentiero CAI 501), Altitudine min 600, Altitudine max 1540.

brizzia_mappa.jpg

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: